Interview Atlantide d’Arte Contemporanea – DeAgostini

1.Crede che per produrre un’opera d’arte ci sia bisogno di una formazione accademica?
No di certo,nel mio caso ho fatto 2 Accademie in argentina e a Carrara,pero la mia intenzione fu e e ancora non fare solo l’artista anzi insegnare il arte e e importantissimo le discipline che ho imparato per tale scopo educativo come maestro d’arte,non solo insegnare a dipingere e scolpire,avere conoscenze delle materie come morfologia,psicologia,pedagogia ,mass media,scienze delle comunicazioni,storia del arte, anatomia,,ect—

2.Nella produzione delle sue opere preferisce lo studio e la pianificazione o si affida all’esecuzione istintiva (di getto)?
Mio lavoro e pianificato dalla idea,al disegno alla materia alla esecuzione,iniziando in questi ultimi anni con i viaggi di ricerca nelle diverse metropoli del pianeta e un previo lavoro de fotografia per poi passare ai diversi materiali visivi di esecuzione

3.Se dovesse descrivere la sua arte in una parola come la definirebbe?
Metamorfosi Strutturale

4.Come influisce l’arte sulla sua vita quotidiana?
La mia vita quotidiana influisce nel mio arte…ogni 5 o10 anni, gia che lavoro da 40 anni ,gli eventi nel mondo mi indirizzano sulla mia nuova ricerca e anche quelli affettivi di cambiamento a livello personale.

5.Quando ha scoperto questa passione per l’arte?
Avevo 18 anni quando mi ho domandato quale era la mia vocazione e se questa durerebbe per sempre? Non lo sapevo …Ma cosi e stato!! credo il impegno e la volontà contano…

6.L’arte deve creare, costruire, oppure rivoluzionare?
Tutti i tre e ben altro!!l creazione e costruttiva e decostruttiva periodicamente.

7.Quale messaggio vuole diffondere con la sua ricerca artistica?
Mio messaggio cambia con il mio crescere , mio personale cambiamento..1 si be..universale, andante no ce camino…si fa camino al andare…..

8.C’è qualche artista a cui si ispira?
No specificamente da giovani amavo Bernini,Capogrossi Fontana Scanavino ,prima Mattise,Picasso, Egon Shile,Klimt, Munch,Renne Magritte,Keit Haring,da adulta siempre di piu indiscutibilmente il arte primitivo arcaico,Etrusco,Fenicio, Greco ,Africano ,Asiatico .precolombino

9.Pregi e difetti dell’artista e della persona?
Essere perseverante onesto creativo e umile percettivo,intuitivo,,difetti : lo contrario.

10.Come viene declinato, nelle sue opere, il rapporto forma – colore?
Totalmente in simbiosi ,interattivo davanti allo spettatore, la forma non diventa colore senza essa ,prima il colore non interagisce senza una forma consapevole e progettata.

11.Un’opera che vorrebbe possedere?
Sculture della epoca arcaica antica figurative.

12.Vicende personali ed intime esperienze hanno avuto un peso notevole nella carriera di grandi nomi del passato (si pensi ad esempio a Caravaggio, Artemisia Gentileschi), decretandone spesso il successo. In che modo e in che misura sono presenti riferimenti biografici (alla sua vita) nelle sue opere?
Il mio immigrare della Argentina a Italia come residente, ,epoca di miei dipinti “I volti dei confini 10 anni rappresentando individui di tutto il mondo”Poi la mia apertura alla musica al ballo..Tango .15 anni sculture e pittura sul tema,in fine da 10 anni iniziato :Immigrazioni nelle Metropoli,Metamorfosi Strutturale, con il inizio di miei più frequenti viaggi in Europa e America e gli scatti della fotografici sulle città,i paesi, il inizio del mio arte multimediale!.La mia ansia di conoscere di viaggiare influenzata per miei stesse vicende immigratorie…e quelle degli altri..
Pero il evento piu importante ! Per me e per il mondo intero e stato il crollo del muro di Berlino che hanno cambiato il mio vedere e sentire la liberta nella mia vita affettiva e professionale…
In quella epoca e lo e ancora ora,ho iniziato dal gli anni 90…a sviluppare La Rete la rottura della rete metallica disegnata in miei dipinti e fatte sculture di legno con i particolari di essa. Ancora disegno quella rete non finita di capirsi negli eventi della attualità e ancora su…viva.

13.Già da tempo nell’ambiente artistico internazionale si è giunti ad una sempre maggiore convinzione di vivere in un’epoca incapace di raggiungere esiti innovativi, rivoluzionari; il linguaggio e gli strumenti artistici, sono ritenuti, in tal senso insufficienti. Qual è la sua opinione a riguardo?
E vero la mentalità non e cambiata, ma si gli istrumenti tecnici ,scientifici, usati nel campo non soltanto del arte quella e la vera innovazione e rivoluzione ,dove non ci sono piu le rivoluzioni come quelle che noi intendiamo come tali..ci sono le invasioni !! persone , tecnologia,notizie vere o false ,goberni etc…innovare inventare un nuovo mondo!!!

14.La diffusione delle avanguardie artistiche nel 1900 ha relegato la figurazione classica ad un ruolo di secondaria importanza. Quale la sua opinione in merito?
Non non credo gia che essi sono servite da studio a molti creatori per affermare analizzare o per distruggere esi e innovare una nuova epoca.

15.Un evento particolarmente importante della sua vita che ha inciso sulla sua produzione artistica?
Immigrazione Argentina Italia Italia Argentina per 3 volte definitivamente a Trieste dal 99 in italia dal 80
“La diversità culturale”

16.Quali progetti ha in mente per il prossimo futuro?
Continuare con la Scultura Pittura Installazioni Multimediale e spore In Italia e al estero ,con apertura anche alle grandi dimensioni .

Posted in Blog. RSS 2.0 feed.